Camera degli “Imparaticci”, con una finestra e bagno privato.
Prende il nome da una serie di quei manufatti: alfabetieri ricamati dalle ragazze della famiglia ed eseguiti per esercitazione tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900.